Influencer Marketing: tips da una Fashion Blogger

Per approfondire il tema dell’Influencer Marketing, abbiamo deciso di parlare direttamente con gli specialisti del settore. La nostra prima intervista si è svolta con Pamela Soluri, Fashion Blogger e Web Influencer italiana.

A Pamela abbiamo chiesto informazioni su come sia cambiata la sua attività di recente e quali consigli darebbe ai clienti che vogliono iniziare una collaborazione con i blogger.

L’Influencer Marketing sta diventando maturo anche in Italia. Quali sono gli ultimi trend e gli sviluppi che hai evidenziato?

Le strategie comunicative evolvono quotidianamente, grazie a sempre nuovi strumenti (piattaforme dedicate, canali social e applicazioni) attraverso i quali poter raggiungere un pubblico molto più vasto rispetto al passato e senza limitazioni geografiche.

La portata e l’impatto che ha avuto questo modo di concepire la promozione dei contenuti online dimostra che non si tratta di un trend passeggero, ma è bensì destinato a crescere sempre di più negli anni a venire.

Quali consigli potresti dare ai clienti che vogliono iniziare a lavorare con l’Influencer Marketing?

La figura dell’Influencer offre contenuti originali e autentici che aiutano i marchi ad amplificare il proprio messaggio e a costruire nuove modalità di relazione con la propria audience. Ha acquisito un ruolo strategico essenziale che parte dal semplice sviluppo di un prodotto fino ad iniziative di lead acquisition e ad attività mirate alle performance e alle vendite. Gli utenti non gradiscono più la pubblicità aggressiva (annunci sponsorizzati, banner) ma si affidano all’opinione di persone di cui si fidano (gli Influencer appunto) per poi decidere autonomamente. Questo dimostra come il passaparola sia lo strumento di persuasione più efficace.

Cosa fare e cosa non fare?

Individuare una figura realmente influente tra tante può sembrare difficile, ma non lo è.

Un Influencer si può definire tale quando ha assoluta padronanza di metriche e di SEO ed in base a queste fornisce contenuti di qualità, dimostrando la propria autorevolezza e competenza in una nicchia di mercato targettizzata (Fashion, Beauty, Food, Travel, Entertainment) generando ROI misurabili. In questo si configurano i Micro-Influencer utili in una strategia di branding volta a far conoscere il proprio marchio o un prodotto, rispetto alle Celebrity Influencer da inquadrare, invece, per il lancio di un evento o quando si necessita di un’esposizione mediatica elevata.

Quali tipologie di clienti possono maggiormente beneficiare dell’Influencer Marketing?

Dall’azienda locale agli imprenditori, dai brand emergenti a quelli di lusso, tutti possono beneficiare del lavoro di marketer e digital strategist per ampliare la propria brand awareness ed ottenere engagement e conversioni che impattano sulla reputazione del proprio marchio e orientano il processo di acquisto, tramite l’acquisizione di nuovi clienti e la fidelizzazione degli stessi.

Grazie, Pamela, per il tempo speso nel condividere la tua esperienza con noi!

Pamela Soluri, Italian Fashion Blogger & Web Influencer

Tr3nDyGiRL (http://tr3ndygirl.com)

Influencer

Condividi:

Post suggeriti

Advertiser Spotlight: Soreto

Advertiser Spotlight: Soreto Puoi presentarti brevemente? Ciao a tutti, sono Anne-Sophie Larger, International Business Development Manager presso Soreto. Sono nel mondo dell’affiliazione dal 2015 e lavoro per aiutare gli inserzionisti a raggiungere i loro obiettivi...

Contattaci

Scopri come possiamo aiutarti a far crescere il tuo business.